Manutenzione piede Mercruiser AlphaONE

Questo vuol essere un breve tutorial su cosa diavolo fanno i nostri amati/odiati amici meccanici quando procedono alla manutenzione dei piedi poppieri Mercruiser AlphaOne.

Due note importanti:

  1. Le foto e le descrizioni mostrate sono a livello puramente amatoriale e non implicano alcuna responsabilità da parte dell’autore. Manutenzioni di questo livello vanno eseguite solo e soltanto da personale qualificato.
  2. LA RIPRODUZIONE DI QUESTO TUTORIAL E’ ESPRESSAMENTE VIETATA SENZA IL CONSENSO DELL’AUTORE

COSA OCCORRE:

manutenzione piede mercruiser alpha one
Mercruiser Alpha ONE

– una barca con il piede AlphaONE…

– normalissima dotazione di utensili: i piedi poppieri Mercruiser non hanno necessità di chiavi o estrattori speciali se ci limita alla normale revisione. Discorso diverso se dovete ad esempio smontare il cambio. Ma questa è un’altra storia…

– set di guarnizioni QuickSilver (danno un pacchetto completo per il piede a prezzo modico). Qui il catalogo

– il libretto di uso e manutenzione: sono segnate con precisione tutte le quantità e le caratteristiche degli olii e e dei grassi da impiegare.

– olio e grasso per piedi poppieri QuickSilver.

– set completo di anodi sacrificali (due bracciali per i pistoni idraulici, un collare anteriore sul piede, un anello nel mozzo elica, un disco inferiore proprio sopra l’elica, un quadrato sulla campana.).


La barca è saldamente poggiata sul suo invaso (meglio se ulteriormente rialzato). Sotto il piede si mettono delle assi di legno a protezione della pinna inferiore. Il piede è tutto sporco ma chissenefrega: si pulisce da smontato (è più facile e viene meglio). Una bella vaschetta per raccogliere viti, bulloni e rondelle (che verranno poi tutte lucidate per cercare di proteggerle dall’ossidazione).

IMPORTANTE:

prima di incominciare si stacca la batteria e si mette la marcia avanti (altrimenti il piede non esce…)

1- SMONTAGGIO TRIM

manutenzione piede mercruiser alpha oneSi levano con un semplice cacciavite i tappi di plastica e gli anelli di ritegno a destra e a sinistra. Si sfila il perno anteriore e si abbassano i pistoni che rimangono trattenuti dal perno posteriore: il piede raggiunge la
sua corsa inferiore. Attenzione ai piccoli cavetti che collegano elettricamente piede e campana.

2- ESTRAZIONE PIEDE poppiero Mercruiser

manutenzione piede mercruiser alpha oneIl piede poppiero è saldamente avvitato alla campana da 6 bulloni (mi pare del 17): svitarli e avvitarli incrociando come sempre i passaggi. Appena svitate le viti, aiutatevi con un paio di colpettini con il manico del cacciavite e il piede si sfila: attenzione a essere veloci perchè finchè il piede è in posizione può uscire una piccola quantità di olio. Fra piede e campana ovviamente c’è una guarnizione che andrà completamente asportata e le superfici pulite. In alto ci sono altre due viti che non vanno svitate: servono (insieme ad altre) a smontare la campana, cosa che si fa solo in occasione del cambio cuffia trasmissione.

manutenzione piede mercruiser alpha one

Il piede è sfilato e poggia su un bel pezzo di legno. Pesa circa 25/30 Kg. in due si solleva e si trasporta facilmente: non perde olio (c’è una piccola valvola di non ritorno che si vedrà nelle foto successive). Lo alziamo in due e lo portiamo in officina: intanto operiamo sulla campana

3- CAMPANA

manutenzione piede mercruiser alpha one

Ecco la campana in tutto il suo splendore. Elenco le parti e la manutenzione che occorre fare.

  1. Rimozione tutte le guarnizioni e O ring.
  2. Foro calibrato allineamento piede/campana. Pulire ed ingrassare.
  3. Prigioniero piede. Controllo serraggio di tutti e sei.
  4. Valvola di non ritorno olio piede (questa valvola è in diretta comunicazione con la vaschetta olio piede posta di fianco al motore: se spingete esce olio altrimenti non esce). Controllo ed eventuale pulizia.
  5. Comando invertitore: un filo di acciaio tira avanti e indietro l’asta che fa ruotare a destra o a sinistra l’alberino 6. Così si innesta la marcia avanti o indietro ed il folle.
    Le fotografie successive del piede stesso mostrano meglio il comando. Pulire il grasso vecchio e ingrassare. Controllare il serraggio e le condizioni del cavo traente. La registrazione dei giochi non si deve fare da qui, ma da un registro posto in prossimità del motore all’interno della cala motore.
  6. Entrata acqua di raffreddamento spinta dalla girante che si trova nel piede. Ovviamente si cambio l’O ring e si pulisce quel che si può. Se è già sporco qui, pensate che schifezza ci sarà nei raiser…
  7. Alberino comando cambio. Pulire. Pensate che è investito direttamente dai gas di scarico !!
  8. Vano uscita gas di scarico e acqua di raffreddamento attraverso il mozzo elica
  9. Sonda del conta-nodi ad innesto rapido.
  10. Famosa cuffia che contiene le crociere. Ci si mette una mano dentro e si controlla lo stato di pulizia, l’integrità e la flessibilità della gomma. Inoltre vi si infila uno speciale albero forgiato e rettificato che infilandosi nel millerighe nel motore e nel cuscinetto campana, ne misura il reciproco allineamento. Questo è il famoso allineamento del piede che bisogna assolutamente fare dopo le prime 20/30 ore e possibilmente ogni due anni. Pena: se l’allineamento esce da certi valori si trita tutto !! La mia cuffia va ancora benissimo così decidiamo di non cambiarla…
  11. Foro uscita gas di scarico secondario: serve per scaricare meglio i gas con il motore al minimo o in retromarcia

Ed ecco la parte superiore del piede poppiero in tutto il suo splendore!

manutenzione piede mercruiser alpha one

  1. Crociere. Sono uno spettacolo: scusate ma la foto fa schifo e non rende per niente la lucentezza e la brillantezza dei pezzi !! Le tolleranze sono infinitesimali e le crociere si muovono con una fluidità eccezionale. Neanche il cardano della mia BMW è così preciso… Le frecce indicano le boccole (bianche o arancioni): se ci sono vuol dire che avete le crociere auto lubrificanti e non bisogna fare nulla. Altrimenti. GRASSO !!
  2. Fori prigionieri accoppiamento piede/campana: necessitano solo di pulizia.
  3. Alberino millerighe che si inserisce direttamente nel motore: le frecce indicano gli O ring che vanno cambiati e sono contenuti nel pacco guarnizioni QuickSilver. L’albero che sembra arrugginito in realtà è solo sporco e ha bruciato (!!) un pò il grasso rendendolo bruno…
  4. Foro uscita acqua di raffreddamento che entrerà nel motore attraverso la campana. Si pulisce quel che si può.
  5. Vano entrata gas di scarico e acqua di raffreddamento che usciranno attaverso il mozzo elica.
    PENSATE CHE I GAS DI SCARICO INVESTONO IN PIENO L’ALBERO DI TRASMISSIONE CHE PORTA IL MOVIMENTO ALL’ELICA… Certo c’è insieme anche l’acqua di raffreddamento che abbassa la temperatura, ma tant’è…
  6. Foro di entrata olio lubrificazione piede: controllo e pulizia.
  7. A questo punto si mette un recipiente sotto il piede e tramite il foro di uscita alla base e lo sfiato alla sommità, si scarica tutto l’olio lubrificante. Ci vuole un pò perchè è molto denso. Ques’olio va benissimo per pulire e lubrificare i pezzi che stiamo revisionando.
  8. Si procede ora alla separazione dei due pezzi che compongono il piede. Sono uniti secondo un piano orizzontale con 5 viti e controdadi: 4 laterali (2 per parte) e una all’estremità posteriore sotto l’anodo sacrificale. Fra i due pezzi non c’è alcuna guarnizione.

La parte superiore l’abbiamo già vista: ecco la parte inferiore.

manutenzione piede mercruiser alpha one

  1. 5 fori di assemblaggio delle due estremità del piede poppiero. Pulizia.
  2. Vano entrata gas di scarico e acqua di raffreddamento che usciranno attaverso il mozzo elica
  3. Foro di entrata olio lubrificazione piede: metteteci un pezzetto di straccio in modo che non entri porcheria.
  4. Foro uscita acqua di raffreddamento in pressione dalla campana della girante.
  5. Albero di trasmissione.
  6. Comando cambio
  7. Passaggio sonda contanodi.
  8. Campana girante dell’acqua: con quattro viti si smonta la campana e si sfila dall’albero di trasmissione. Stessa cosa con la girante la quale è resa solidale all’albero da una chiavetta (vedi nella foto sotto l’intaglio). Si cambia la girante, si cambia la guarnizione e si rimonta il tutto. La perfetta tenuta è importante per una buona pressione in andata. Se necessario si sigilla meglio con un pò di pasta rossa…

manutenzione piede mercruiser alpha oneLa prima foto l’ho scattata prima della manutenzione, la seconda dopo. Vedete che: ogni dado è stato smontato lucidato, lubrificato e rimontato, la campana smontata è stata tutta lucidata a specchio !! Io amo il mio meccanico!! Le superfici di contatto con il resto del piede sono state pulite e
ingrassate. Un velo d’olio lubrifica l’alberino del cambio.

Infine, discorso sulla girante

manutenzione piede mercruiser alpha one

A sinistra la girante nuova a destra la mia girante con 120 ore di funzionamento sia in acqua dolce che in acqua di mare. Come vedete è in buone condizioni: le alette sono abbastanza storte ma i bordi sono regolari e non ci sono snervature. Ancora 60 ore le poteva fare ma dato il costo irrisorio e l’importanza della funzione che svolge ovviamente l’ho cambiata. Non risparmiate su questi componenti!
Tutti questi smontaggi, lubrificazioni e rimontaggi sono importanti perchè come sapete, l’alluminio di cui è fatto tutto il piede, ha la simpatica abitudine di ossidarsi rendendo tutte le viti impossibili da svitarsi… E quando ciò succede una semplice revisione come questa può durare ore e ore e ore e ore….

Il rimontaggio del piede avviene semplicemente rifacendo le stesse identiche operazioni al contrario.

BUON LAVORO E BUON DIVERTIMENTO !!

Successivo Yamaha Tenerè e Honda Paris Dakar

9 thoughts on “Manutenzione piede Mercruiser AlphaONE

  1. enzo arena il said:

    complimenti per il post, ma vorrei sapere una cosa sola… come si smonta la campana per cambiare la cuffia di trasmissione?

  2. Caspita complimenti, mi segno questo blog nei preferiti, vorrei farti una domanda pratica, questo che descrivi è un controllo che va fatto annualmente, o di piu’ a seconda dell’utilizzo del motore, corrisponde al tagliando classico vero? Che costo orientativamente ha questa cosa? Volendo approfondire ancora di più nella manutenzione preventiva del piede, cosa aggiungeresti? Mi sto facendo un’idea per non trovarmi impreparata di fronte al meccanico…grazie!

    • Alessandro il said:

      Ciao Vale, lieto di esserti stato utile!
      Queste sono le classiche operazioni da tagliando: va fatto una volta l’anno, oppure dopo un centinaio di ore di navigazione. Il costo dipende molto dal meccanico che orientativamente ci mette mezza giornata a fare le cose bene.
      Per approfondire bisognerebbe smontare anche la parte che contiene le coppie coniche inferiori, cosa che si fa soltanto quando ci sono problemi gravi.
      A presto!

  3. Grazie mille della risposta, gentilissimo. Sto revisionando i due piedi bravo II (nuovo acquisto) che sono vecchiotti, e abbiamo scoperto in uno dei due piedi la corrosione (causa anodi poco buoni) ha creato un piccolo foro di mezzo cm..emerso grattando le vecchie antivegetative. Nel tuo articolo non parli di antivegetativa per piede ed elica, il “tuo” piede è bello lucido, verniciato, ma nel caso di piedi datati, che hanno perso la verniciatura iniziale, come ci si comporta? Spero scriverai altri articoli!
    Grazie per la condivisione!

    • Alessandro il said:

      Ciao Vale,
      generalmente le antivegetative sono amorfe dal punto di vista della corrosione galvanica. Il problema sorge in fase di preparazione.
      I piedi poppieri sono verniciati con uno spesso strato di vernice protettiva coperto da uno sottile strato di vernice lucida, solo estetico. Quando si da l’antivegetativa per la prima volta si dovrebbe solo dare il primer o carteggiare leggermente lo strato lucido lasciando lo strato protettivo integro. Se, come immagino, i tuoi piedi sono stati carteggiati massivamente, l’alluminio è scoperto e quindi scoperto all’aggressione salina e quindi galvanica. Soluzione: primer coprente (magari doppia mano) e solita antivegetativa. Controlla di frequente gli anodi sacrificali, che ti danno il segno di quanto i piedi sono esposti alla corrosione.
      Spero di esser stato utile! A presto
      Alessandro

Lascia un commento

*